RSE
A A
Login
login name
password
login
GSE
ITA english
 Media  /  News
01/03/2017
stampa pdf print send email

EFFICIENZA. Alla scoperta dell’utente finale: chi è, quanto e come consuma

EFFICIENZA. Alla scoperta dell’utente finale: chi è, quanto e come consuma

Un video girato a Milano racconta la storia del progetto Energia su Misura, nato per dare una risposta concreta al problema della povertà energetica.
Colpisce il coinvolgimento attivo dei diretti interessati, diventati attori, che hanno messo “in luce” entusiasmo e partecipazione nei confronti dell'iniziativa.

La svolta c'è stata quando nelle policy energetiche si è deciso di mettere al centro dell’attenzione l’utente, ponendo come priorità la domanda rispetto all’offerta. Una rivoluzione che ha spostato il problema dal piano razionale dell’ingegneria a quello - imprevedibile, irrazionale, e soprattutto fortemente polverizzato - del comportamento degli utenti finali.

RSE presidia da tempo queste tematiche, anche attraverso la partecipazione a progetti di ricerca europei quali, S3C (Smart consumer Smart customer Smart citizen), NATCONSUMERS (NATural Language Energy for Promoting CONSUMER Sustainable Behaviour), 2gether4vulnerability.

RSE ha anche sviluppato, a partire dal 2015, uno specifico progetto di ricerca denominato Energia su Misura che guarda al consumatore finale ponendosi tre semplici domande: chi è, quanto e come consuma?

Avviando lo studio per la caratterizzazione delle diverse tipologie di nuclei familiari, associandovi i relativi profili di domanda, indagando i comportamenti assunti, la predisposizione a utilizzare tecnologie efficienti, la consapevolezza dei propri consumi, l’obiettivo finale è quello di capire l’utente in tutti i suoi aspetti. Perché solo attraverso la conoscenza dello stato dell'arte si può poi procedere alla definizione di obiettivi di risparmio realmente conseguibili.

Nella caratterizzazione delle famiglie, particolare attenzione è stata data al segmento degli utenti vulnerabili, quella fascia di popolazione non in grado di provvedere ai minimi fabbisogni energetici. Tanto  più, che la recessione economica ha significativamente acuito la dimensione della povertà energetica, erodendo aree di popolazione precedentemente non coinvolte.

In Italia il fenomeno della povertà energetica trova una sua parziale mitigazione con la disciplina del Bonus sociale. Recentemente, però, l’AEEGSI (anche a seguito della riforma delle tariffe elettriche) ha sollecitato RSE ad approfondire e analizzare la situazione relativa ai clienti che usufruiscono del suddetto Bonus, con lo scopo di fornire informazioni e valutazioni utili e propedeutiche a proporre una possibile modifica dell’attuale struttura.

Lo studio sulla povertà energetica è stato avviato, in collaborazione con MM e con il Comune di Milano, su circa 25 famiglie presenti negli edifici residenziali pubblici (ERP) in modo integrato: sia con il supporto della tecnologia (monitoraggio dei consumi) sia con l’impiego di strumenti di feedback, in grado di sensibilizzare gli utenti a conseguire miglioramenti di efficienza energetica e  riduzioni dei costi in bolletta.

La sperimentazione nella sua prima fase è stata completata e il video ne racconta in pochi minuti la storia. Il filmato parla di energia che serve a fare funzionare gli apparecchi ma anche (soprattutto) della partecipazione attiva dei diretti interessati; attori al debutto che hanno messo “in luce” entusiasmo e partecipazione.

 

Guarda il video (Italiano)

https://vimeo.com/197380826/ae6c076de8
(English)
https://vimeo.com/204945283/12a65eaa73

Related Links

Topics